Post del forum

gegstudio
03 apr 2019
In I casi
Il conflitto è una situazione che si viene a creare quando tra due o più persone si riscontrano incompatibilità di pensiero o di comportamento. Generalmente il conflitto nasce da un bisogno insoddisfatto, dalla difficoltà di riconoscerlo e di comunicarlo in maniera adeguata al proprio interlocutore. Un conflitto può nascere in qualsiasi ambito della vita quotidiana. La scuola è spazio per confronto, scambio e progettualità educativa, ma è anche spazio di conflitti. E' molto facile che in una classe ci siano conflitti e, se non adeguatamente affrontati e gestiti, possono assumere dimensioni preoccupanti. Bisogna gestirli in chiave positiva come un momento di crescita e come una possibilità di migliorare le relazioni piuttosto che come problema negativo. Come quella volta in cui, uscita dalla scuola , mi sentii assalire (verbalmente) dalla mamma di una bambina perchè il giorno precedente mi ero permessa di riprendere la propria figliola in modo poco adeguato, ossia elevando il tono della voce. Convinta del fatto che se un conflitto viene affrontato ricorrendo alla forzatura può portare al risentimento, al rancore, all'indifferenza o a rotture irreparabili, e che il conflitto è un momento in cui attivare le proprie abilità legate alla comunicazione, chiesi scusa dell'accaduto e ripromisi a me stessa che non sarebbe accaduto più; ma non dissi nulla e (cosa a mio avviso grande tema di riflessione), la mamma non mi chiese del perchè di quella sgridata! Compresi, in quel momento, che per la signora, la cosa importante non era indagare sul comportamento della figlia, ma quella di scaricare la colpa della bambina, sulla maestra. I conflitti bisogna saperli riconoscere, imparare a gestirli e mediarli in chiave positiva.
1
0
19

gegstudio

Altre azioni